NEWS

Privacy e Gdpr, chi guadagna da un’industria che vale miliardi di dollari

Privacy e Gdpr, chi guadagna da un’industria che vale miliardi di dollari

Quando nell’aprile del 2016 l’Unione Europea adottò il Gdpr, sembrava si fosse scatenata una nuova corsa all’oro che suscitò l’euforia di migliaia di professionisti e imprese che si buttarono a capofitto nel mondo della privacy con l’obiettivo di sfruttarne quelle che parevano irrinunciabili opportunità che si prospettavano all’orizzonte.

Il reclamo “privacy”: un procedimento a contraddittorio limitabile. La circolare di Federprivacy

Il reclamo “privacy”: un procedimento a contraddittorio limitabile. La circolare di Federprivacy

Nel procedimento di “reclamo privacy”, le prerogative difensive del titolare del trattamento sono bilanciate e, talvolta, messe in secondo piano rispetto all’esigenza di arrivare a una decisione sull’applicazione delle misure correttive e delle sanzioni. L’interpello preventivo dell’interessato, non previsto dal Gdpr, si inserisce nelle prime battute del flusso del procedimento di reclamo, a cui è dedicata la Circolare n.2/2019 di Federprivacy

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge che proroga il collegio del Garante Privacy

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge che proroga il collegio del Garante Privacy

L'attuale presidente e i componenti del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali rimarranno in carica fino all'insediamento del nuovo collegio e comunque per non oltre ulteriori 60 giorni dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge 7 agosto 2019 n. 75 recante "misure urgenti per assicurare la continuità delle funzioni del Garante per la protezione dei dati", approvato dal Consigli dei Ministri il 6 giugno.

Pubblica amministrazione e privacy: non si può più temporeggiare, serve una task force

Pubblica amministrazione e privacy: non si può più temporeggiare, serve una task force

Il governo, elettronico e analogico, delle pubbliche amministrazioni deve fare i conti con il Gdpr (regolamento Ue 2016/679) e le regole tutte sulla protezione dei dati. La posta in gioco è la liberta del cittadino, che merita l’applicazione effettive di regole a tutela della incolumità dei suoi dati.

Gdpr, l’allarme del Garante: “In Italia pericoloso calo di attenzione”

Gdpr, l’allarme del Garante: “In Italia pericoloso calo di attenzione”

“Un pericoloso calo di attenzione sui temi della privacy”: il Segretario generale del Garante Privacy, Giuseppe Busia, lancia l’allarme dal palco dell’ottava edizione del Privacy Day al Cnr di Pisa evidenziando che nonostante l’entrata in vigore, ormai un anno fa, del Gdpr, la situazione che si sta creando in Italia “non è nella logica del nuovo Regolamento Ue, che non prevede un adempimento una tantum, ma richiede una manutenzione continua in un cammino che si fa di giorno in giorno, e quindi c’è qualcosa da recuperare sotto questo profilo”.

Le nuove frontiere di Big Data Analytics & Social Mining al Privacy Day Forum

Le nuove frontiere di Big Data Analytics & Social Mining al Privacy Day Forum

Negli ultimi anni il nostro modo di usare la tecnologia è cambiato notevolmente e nuovi tipi di dato si sono resi disponibili. Basti pensare alle tracce generate dai dispositivi mobili che la maggior parte di noi porta sempre con sé e alle nostre relazioni e interazioni sociali descritte nei social network. Data la loro natura particolare questi dati si sono guadagnati il nome di Big Data.

TV Nove Italia, Nicola Bernardi intervistato alla trasmissione 9X5

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo