NEWS

Usa: utenti registrati senza consenso, scatta la class action contro Apple

Class action contro il colosso della mela mozzicata per una presunta violazione della privacy. La causa è stata depositata in un tribunale della California e ruota attorno a un programma con cui il produttore dell'iPhone aveva assunto persone per ascoltare una quantità limitata di interazioni tra utenti e l'assistente vocale Siri. L'obiettivo era migliorare le prestazioni della stessa Siri, mossa simile a quella di rivali come Amazon e Google.

La class action è stata lanciata giorni dopo la decisione di Apple di sospendere il programma controverso. Apple si era già difesa sostenendo che ascoltava meno dell'1% dei comandi dati «intenzionalmente» a Siri.

L'avverbio è cruciale dal momento che la causa legale sostiene che il gruppo abbia ascoltato non solo i comandi attivati dicendo «Hei Siri» o premendo il tasto home per un certo periodo di tempo (dunque intenzionali) ma anche quando tali mosse non sono state fatte dall'utente. Nelle sua privacy policy, il gruppo spiega che registrazioni anonime legate a Siri vengono collezionate per migliorarne le prestazioni. L'accusa è che Apple non abbia informato gli utenti di essere «regolarmente registrati senza consenso».

Il caso era esploso con un articolo del Guardian, secondo cui i contractor di Apple ascoltano "regolarmente" tali registrazioni senza il consenso delle persone. Il colosso tech aveva anche spiegato che quando rilancerà il programma, consentirà agli utenti di scegliere di non essere coinvolti in una simile pratica.

Fonte: Il Messaggero

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Usa, attacco ransomware coordinato a 23 città del Texas
Next Bulgaria: banca sanzionata per mezzo milione di euro a seguito di violazìone dati di oltre 30mila clienti

Il nuovo sistema sanzionatorio dopo il Dlgs 101/2018

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo