NEWS

Non è esente da rischi la nuova fatturazione elettronica

L'operazione fatturazione elettronica è partita. Un po' alla carlona, ma è partita. Da ieri è infatti scattato l'obbligo di emettere fattura elettronica, un adempimento che interesserà 2,8 milioni di imprese, il 56% delle partite Iva italiane (sono esclusi medici, farmacisti, società sportive dilettantistiche e chi sceglierà di aderire al regime dei minimi o forfettario). Si stima che già nel 2019 saranno trasmessi in digitale qualcosa come 3 miliardi di documenti. Qualcuno si chiede se le infrastrutture di Sogei saranno in grado di reggere l'urto o, come è già successo altre volte, i contribuenti dovranno sopportare intasamenti, rallentamenti, o addirittura paurosi crash informatici.

Ma il problema vero è un altro: tutti questi dati sono un vero e proprio pozzo di petrolio, che fa gola a numerosi soggetti. Il Garante della privacy è intervenuto più volte per rilevare la mancata protezione dei dati. Ma finora si è risolto ben poco. Si è inibita la trasmissione delle fatture contenente dati sanitari (peraltro, una duplicazione) e si sono desanzionati i primi nove mesi, trasformandoli di fatto un periodo di prova tecnica di trasmissione.

Ma rimangono sul tappeto i problemi maggiori. Primo fra tutti il canale di trasmissione delle fatture (ftp), considerato da tutti non sicuro. Le Entrate hanno preso tempo fino a maggio per trasformarlo in un sftp. Poi il fatto, rilevato solo da ItaliaOggi del 28 dicembre, che il contribuente, se vuole evitare che i dati presenti in fattura vengano utilizzati dal fisco per controlli automatizzati, deve espressamente rinunciare al servizio di consultazione e memorizzazione offerto, gratuitamente, dall'Agenzia delle entrate (una vera e propria trappola, che consentirebbe al fisco di effettuare veri e propri controlli analitici a tavolino).

Infine c'è il problema degli intermediari, già rilevato dal Garante, «alcuni dei quali operano anche nei confronti di una moltitudine di imprese, accentrando enormi masse di dati personali con un aumento dei rischi, non solo per la sicurezza delle informazioni, ma anche relativi a ulteriori usi impropri, grazie a possibili collegamenti e raffronti tra fatture di migliaia di operatori economici». La corsa al petrolio è cominciata. Fermarla, ora, non sarà facile.

Fonte: Italia Oggi del 2 gennaio 2018 - Articolo di Marino Longoni, Condirettore di Italia Oggi

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Privacy e diritti digitali, tre cose che dobbiamo imparare dal 2018
Next La privacy in formato europeo è un cantiere aperto

I chiarimenti del Garante sulla Norma UNI 11697:2017

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali