NEWS

Ora gli hacker riescono a captare le password "ascoltando" il modo in cui si digita la tastiera

Un nuovo studio avverte che gli hacker possono decifrare le password di una persona semplicemente ascoltandola digitare sulla tastiera tramite il microfono del proprio smartphone, secondo quanto riporta Science Daily. Secondo i ricercatori della South Methodist University del Texas, il metodo è così efficace che può essere eseguito anche in un luogo pubblico e rumoroso. La tecnica potrebbe anche essere utilizzata per decrittografare le e-mail e i messaggi privati ​​di qualcuno o rubare informazioni sulla carta di credito.

Gli esperti hanno scoperto la tecnica, analizzando le diverse onde sonore prodotte quando si tocca un tasto. Gli studiosi hanno ricreato una situazione reale in un ufficio e hanno chiesto ai soggetti di prendere appunti sui loro pc. Gli scienziati che sono convinti di poter affinare ulteriormente il metodo, utilizzando un'applicazione per ascoltare ciò che è stato scritto, sono stati in grado decifrare 41 parole su 100, dopo aver elaborato i segnali acustici. Il metodo ha consentito anche di capire se si stava apportando delle correzioni.

Il trucco per hackerare qualsiasi tastiera è, secondo lo studio, utilizzare sensori per smartphone, che sono sempre attivi automaticamente, e rilevando le vibrazioni riuscire a decifrare i suoni.

Le applicazioni per smartphone spesso richiedono agli utenti di accettare l'autorizzazione ad accedere al microfono del dispositivo come parte dei loro termini di servizio. Tuttavia, con questa funzione gli hacker potrebbero creare applicazioni dannose al solo scopo di spiare o hackerare il microfono di un telefono.

Fonte: Il Mattino

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Ransomware, numero di versioni raddoppiato nel secondo trimestre del 2019
Next Violata la privacy di oltre un milione di utenti su sito porno: 18.000 sono italiani

Canale 50, Federprivacy al CNR con il Prof.Alessandro Acquisti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo