NEWS

"Sono il tuo vicino di numero", la nuova sfida su WhatsApp tra ilarità e violazioni della privacy

Dopo la FaceApp challenge, la nuova sfida estiva che è esplosa sui social si chiama #numberneighbor. È nata negli Stati Uniti, dove negli ultimi giorni moltissime persone si sono messe in contatto con il proprio vicino di numero. Nello specifico, si cambia l’ultima cifra del proprio cellulare sostituendola in un caso con l’unità superiore e nell’altro con quella inferiore. Una volta aggiunto il nuovo contatto telefonico si passa alla fase successiva, scrivendo all’ignaro utente tramite WhatsApp: le conseguenze sono del tutto inaspettate.

In alcuni casi la «vittima» la prende anche bene, dimostrando di stare al gioco e conversando amabilmente di svariati temi, come consigli sulle prossime serie tv da guardare o incoraggiamenti a sfondo motivazionale.

Tuttavia, c’è anche chi non partecipa volentieri a questa moda e si sente violato della propria privacy: bisogna infatti sapere che una volta terminata la conversazione questa sfida prevede la pubblicazione sui social di quanto appena accaduto. In particolare, questa seconda parte della #numberneighbor challenge viene apprezzata dagli adolescenti.

Grazie agli screen postati tra Twitter e Instagram e all’hashtag entrato nelle tendenze, è possibile imbattersi anche in casi divertenti: ad esempio, c’è chi sui social invoca il proprio vicino di numero, sperando di essere contattato presto, ma anche chi si dice pronto a cambiare velocemente il proprio contatto telefonico. Non è comunque la primissima volta di questa sfida, infatti già nel 2016 era apparsa negli Usa e ha ripreso a spopolare dopo che a rilanciarla è stato Ryan Lavallee, un batterista americano. Questa volta, però, la #numberneighbor sembra aver superato i confini statunitensi, arrivando anche in Italia.

Fonte: Il Corriere della Sera

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev In aumento + 60% i virus che rubano che le password agli utenti
Next Truffe online, abbocca il 53% delle aziende

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo