NEWS

Commette il reato di diffamazione l'amministratore di condominio che diffonde a terzi informazioni sulla morosità altrui

E' diffamazione rendere noto a terzi lo stato di morosità altrui. Infatti, l'amministratore di condominio deve sempre tutelare la privacy dei condòmini con riferimento ai loro dati personali sui pagamenti delle spese condominiali, di cui abbia conoscenza in ragione del suo mandato professionale. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 22184 del 5 settembre 2019, con la quale i giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un amministratore di condominio e del suo avvocato contro la sentenza d'appello che li aveva ritenuti responsabili in solido e li aveva condannati al pagamento di un risarcimento del danno a un condomino.

Il caso riguardava l'invio, da parte del legale dell'amministratore del condominio, con l'approvazione di quest'ultimo, di una serie di lettere di sollecito indirizzate a diversi destinatari nelle quali si dava comunicazione che il condomino era inadempiente al pagamento delle spese condominiali.

Per la Corte d'appello, benchè il contenuto corrispondesse al vero, era però diffamatorio, violavando inoltre il diritto alla riservatezza del condomino, in quanto "lo raffigurava come un soggetto inadempiente alle suddette obbligazioni pecuniarie, notizia lesiva del suo grado di affidabilità commerciale".

Nella sua decisione, con cui ha confermato la sentenza dell'appello, la Cassazione ha affermato "l'inesistenza delle scriminanti del diritto di libera espressione del pensiero e del diritto di esercizio del diritto di difesa, in assenza del relativo accertamento da parte del giudice del presupposto di fatto". Quanto alla libera manifestazione del pensiero, secondo i supremi giudici, non "risulta accertata che nella fattispecie vi sia stata la manifestazione di un'opinione, ma solo l'invio di missive concernenti una diffida stragiudiziale o la denuncia di circostanze di fatto".

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Rubati dati personali della pubblica amministrazione, la Polizia Postale arresta l'hacker
Next Solo il 20% delle strutture sanitarie attento alla sicurezza dei dati personali

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo