NEWS

Fatturato in calo? in azienda potreste avere delle gole profonde tra gli addetti alle pulizie

Fatturato in calo? in azienda potreste avere delle gole profonde tra gli addetti alle pulizie

Negli ultimi tempi la vostra azienda sta riscontrando un calo di ordinativi o una significativa perdita di clienti apparentemente senza un motivo plausibile? il problema potrebbe non venire da fattori esterni come la crisi economica o un mercato sempre più competitivo, ma da una fuga di notizie originata dall’interno.

Quattro dipendenti su dieci scoprono la retribuzione dei colleghi a causa del "disordine digitale"

Quattro dipendenti su dieci scoprono la retribuzione dei colleghi a causa del "disordine digitale"

Secondo una delle ultime ricerche di Kaspersky Lab dal titolo "Sorting out digital clutter in business” , quasi quattro dipendenti su dieci (37%) tra quelli che hanno partecipato allo studio dell’azienda sul tema hanno ammesso di aver avuto accesso, in modo accidentale, a informazioni riservate sui colleghi, come a indicazioni circa l’importo degli stipendi e dei bonus aziendali.

Studio Ue, cittadini italiani trai meno consapevoli sul Gdpr

Studio Ue, cittadini italiani trai meno consapevoli sul Gdpr

L'Italia, con la Grecia e il Belgio, è tra i Paesi della Ue dove si registra minor consapevolezza sull'esistenza del Regolamento generale della protezione dei dati (Gdpr), peggio fa solo la Francia. Emerge da un Eurobarometro diffuso dalla Commissione europea, in occasione dell'anniversario dell'entrata in vigore del Regolamento generale della protezione dei dati (Gdpr).

Gmail tiene traccia di tutti gli acquisti effettuati online

Gmail tiene traccia di tutti gli acquisti effettuati online

Non importa se un utente ha effettuato degli acquisti tramite Amazon, Ebay o tramite PlayStation Store. Google tiene traccia di ogni acquisto effettuato utilizzando il web. Una pagina denominata Acquisti mostra un elenco di tutte gli acquisti effettuati da un utente grazie a un tracciamento effettuato tramite Gmail.

Instagram, milioni di dati di account finiti online senza alcuna protezione

Instagram, milioni di dati di account finiti online senza alcuna protezione

I dati di milioni di account Instagram, per lo più appartenenti a influencer e celebrità, sono finiti online su un database senza alcuna protezione. A darne notizia è il sito Techcrunch, che scrive di un server, ospitato Amazon Web Services, trovato in rete senza alcuna password, dunque accessibile a chiunque.

Predicatori porta a porta, testimoni di Geova a prova di privacy

Predicatori porta a porta, testimoni di Geova a prova di privacy

Alcuni mesi fa una sentenza della Corte di Giustizia UE aveva stabilito che anche i predicatori porta a porta sono tenuti a rispettare la normativa sulla protezione dei dati personali.

Privacy Day Forum 2019: il trailer

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo