NEWS

Il Garante per la Privacy boccia "padre-madre" su carta identità minorenni

Parere negativo del Garante per la Privacy sulla sostituzione dell'indicazione di 'genitore 1' e 'genitore 2' con 'padre' e 'madre' nei moduli per il rilascio della carta di identità elettronica per i figli minorenni. A sollevare la questione era stato il ministro dell'Interno Matteo Salvini e il Viminale si era poi rivolto all'Autorità perché si pronunciasse sullo schema di decreto destinato a riformare la modulistica. Con il parere, datato 31 ottobre e pubblicato sul sito del Garante, l'Authority guidata da Antonello Soro ha rilevato diverse criticità.

"Noi andiamo avanti, non esiste privacy che neghi il diritto ad un bimbo di avere una mamma e un papà". Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini in merito al parere negativo del Garante per la Privacy sulla sostituzione dell'indicazione di 'genitore 1' e 'genitore 2' con 'padre' e 'madre' nei moduli per il rilascio della carta di identità elettronica per i figli minorenni.

Fonte: Ansa

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Il Garante incontra i Responsabili della Protezione dei Dati
Next Il 10 luglio a Roma la Relazione annuale del Garante per la Privacy

Qwant: occhio alla profilazione online, le cose da sapere

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali