NEWS

Alexa, un team Amazon ascolta quello che dicono gli utenti

Amazon ascolta i comandi che gli utenti danno ad Alexa allo scopo di migliorare il servizio vocale e rendere la voce umana più comprensibile ai dispositivi sempre più sofisticati prodotti dal colosso fondato da Jeff Bezos. Un'inchiesta dell'agenzia Bloomberg svela come sia stato messo in piedi un vero e proprio team di analisti sparsi in tutto il mondo, dagli Usa all'Europa, dall'India al Sudamerica.

Un esercito di migliaia di persone assunte proprio per registrare, trascrivere, annotare gli ordini inviati ad Alexa, per poi rinviarli al software di riconoscimento vocale.

È il sistema chiamato "Data Annotation", usato per sviluppare gli algoritmi dell'intelligenza artificiale e rendere i dispositivi più avanzati sempre più efficienti. Una pratica che non riguarda solo Amazon ma anche altri big dell'hi-tech.

Sono in molti però a sollevare dubbi e preoccupazioni, per il timore che le informazioni carpite ai clienti siano un modo per portare avanti programmi di pubblicità mirata, per capire ad esempio su che tipo di musica o di prodotti si indirizzano gli utenti.

Amazon però smentisce secondi fini, e sottolinea come la protezione della privacy e la sicurezza delle informazioni personali siano una priorità assoluta del gruppo e vengano prese molto sul serio.

"Annotiamo solo un numero estremamente minimo di interazioni da un gruppo di clienti selezionati in modo casuale, al fine di migliorare l'esperienza del cliente", afferma il gigante di Seattle, spiegando come "queste informazioni aiutano, ad esempio, ad addestrare i sistemi di riconoscimento vocale e di comprensione del linguaggio naturale, in modo che Alexa possa capire meglio le richieste dei clienti e assicurare che il servizio funzioni bene per tutti".

"Abbiamo sistemi di sicurezza rigorosi a livello tecnico e operativo e tolleranza zero per gli abusi dei nostri sistemi". Assicura quindi che "i dipendenti non hanno accesso diretto alle informazioni che permettono di identificare la persona o l'account le cui interazioni sono coinvolte in questa attività.

Tutte le informazioni sono trattate con la massima riservatezza e, per proteggerle, si usano sistemi di autenticazione a più livelli per limitare l'accesso, servizi di crittografia e audit sul sistema di controllo".

Fonte: Il Messaggero

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Instagram, milioni di dati di account finiti online senza alcuna protezione
Next Il Garante per la Privacy sanziona l'Associazione Rousseau

Privacy Day Forum 2019: il trailer

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo