NEWS

Spam, il 46% delle truffe via mail riguarda appuntamenti online

Dopo 40 anni lo spam è ancora l'arma più usata dagli hacker. Lo evidenzia una nuova ricerca di F-Secure e Mwr Infosecurity che mette in luce come ai cybercriminali "basta aggiungere pochi nuovi trucchi a questo classico metodo di attacco". "Lo spam via e-mail è ancora una volta la scelta più comune per l'invio di virus malevoli.

Tra i campioni di spam che abbiamo rilevato nella primavera del 2018, il 46% riguardava truffe relative ad appuntamenti online, il 23% e-mail con allegati malevoli e il 31% conteneva link a siti web malevoli", spiega Paivi Tynninen, ricercatore di F-Secure. Il primo messaggio spam è stato inviato il 3 maggio del 1978 per motivi commerciali, l'"invenzione" si deve a Gary Thuerk, responsabile marketing di una società informatica, la Digital Equipment Corporation.

La tecnica si basa ancora sull'invio di un gran numero di email per catturare un certo numero di utenti, ma i criminali informatici continuano a ridefinire le loro tattiche per ottenere risultati sempre migliori. "E' diventato un vettore di attacco con un successo crescente, con tassi di click in crescita dal 13,4% nella seconda metà del 2017 al 14,2% nel 2018", sottolinea Adam Sheehan, di Mwr Infosecurity.

Fonte: Ansa

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Coin Center: "La blockchain non è compatibile con il Gdpr"
Next Privacy Shield, il Parlamento Ue vuole sospenderlo: "Gli Usa non fanno nulla per la Data Protection"

Canale 50, Federprivacy al CNR con il Prof.Alessandro Acquisti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali