NEWS

Vestager, in arrivo una strategia privacy

Regole più stringenti per tutelare i cittadini europei nell’era dell’intelligenza artificiale. Dopo la nota congiunta della vicepresidente della Commissione Ue Vera Jourova e del commissario per la Giustizia e i consumatori Didier Reynders circa la necessità di di proteggere la riservatezza dei cittadini, oggi la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager annuncia che a breve sarà pubblicato un libro bianco. 


“Il 19 febbraio pubblicheremo un libro bianco sull’intelligenza artificiale e una strategia sulla protezione dei dati, per rassicurare i cittadini sulla privacy e per puntare all’eccellenza con lo sviluppo di competenze tecnologiche adeguate”, ha spiegato Vestager, intervenendo alla commissione Affari legali del Parlamento Ue. “Il libro bianco sarà accompagnato da una relazione sulla sicurezza e le responsabilità nell’intelligenza artificiale”, ha puntualizzato.

Vestager ha evidenziato che la Ue già possiede normative adeguate sulla privacy – il riferimento è al Gdpr – ma che “adesso bisogna capire se queste siano adeguate anche per l’AI” e sia “necessario definire standard più elevati per il riconoscimento facciale”. Bisogna poi valutare adeguatamente i livelli di rischio delle app basate sull’AI nei diversi settori: “un app per la musica ha un livello di rischio assai diverso rispetto a una che riconosce i tumori, ad esempio”, ha detto.

Più tutela dei dati nell’era del 5G e dell’AI. In una nota congiunta, la vicepresidente della Commissione Ue Vera Jourova e il commissario per la Giustizia e i consumatori Didier Reynders evidenziano la necessità di proteggere la riservatezza dei cittadini in vista delle sfide che l’era 4.0 ci pone davanti.

“Con la promozione della rete 5G e l’utilizzo delle tecnologie di Intelligenza Artificiale e l’Internet of Things, saranno diffusi dati personali in abbondanza e se ne farà un potenziale uso che probabilmente non possiamo immaginare – si legge nella nota diffusa in vista della Giornata europea per la Privacy – Le nuove tecnologie offrono incredibili opportunità, ma in alcuni casi dimostrano che sono necessarie regole rigorose per affrontare chiari rischi. In Europa sappiamo che regole di protezione dei dati forti non sono un lusso, ma una necessità. Siamo diventati un punto di riferimento globale per le norme rigorose di cui ci siamo dotati”.

Il riferimento è al Gdpr: a 20 mesi dall’entrata in vigore, la guida web del regolamento generale sulla protezione dei dati (Gdpr) è stata visionata da oltre 1,7 milioni di imprese.
“Il Gdpr ha agito da catalizzatore che ha consentito di mettere la protezione dei dati al centro del dibattito politico – ricordano i commissari – Si tratta di una pietra miliare dell’approccio della nuova Commissione all’AI e alle altre tecnologie 4.0, incentrato sull’uomo. Le norme europee sulla protezione dei dati costituiranno pertanto la base e l’ispirazione per il successo di iniziative chiave nel campo dell’intelligenza artificiale, della salute o della mobilità, solo per citarne alcune”.

Le regole hanno anche contribuito ad aumentare la consapevolezza da parte dei cittadini europei. Secondo Eurobarometro, i livelli più elevati di consapevolezza dei propri diritti riguardano soprattutto il diritto di accedere ai propri dati(65%), di correggerli se sono errati (61%), di opporsi alla ricezione di informazioni dirette di marketing (59%) e di cancellare i propri dati (57%).Tuttavia, resta la priorità per i commissari “di promuovere un sistema armonizzato”.

La Commissione europea presenterà in primavera una valutazione sul Gdpr. “La valutazione sul regolamento offrirà l’opportunità di fare il punto sull’applicazione, in particolare per quanto riguarda i trasferimenti internazionali e le il meccanismo di cooperazione tra le autorità di protezione dei dati – spiegano – Chiarirà anche alcuni aspetti del Gdpr”.

Fonte: Il Corriere delle Comunicazioni

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Gli hacker di Anonplus hanno rubato dal sito della Siae 4 giga di dati
Next Oltre un miliardo di referti medici online consultabili liberamente da chiunque

Federprivacy, Gdpr per far decollare economia digitale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo